Category Archives: Zoologia

Bern Dibner e gli “Araldi della Scienza” – Parte 11 – Zoologia

Undicesima e ultima parte dedicata alla selezione di testi che Bern Dibner attinse dalla collezione di testi scientifici all’epoca presente alla Burndy Library di Norwalk, Connecticut, e che pubblicò nel 1955 in Heralds of Science. Con questa si conclude la serie di articoli che formerà la struttura scientifica del nostro sito. Avremmo potuto elaborare di più informazioni e concetti, ma abbiamo voluto lasciare (speriamo) un senso di curiosità nell’approfondire, che è l’obiettivo stesso del sito che nei prossimi mesi ci prestiamo ad arricchire di contenuti.

(Per un’introduzione alla serie di articoli vi rimandiamo alla parte 1:
https://www.scienzaestoria.it/bern-dibner-e-gli-araldi-della-scienza-parte-1-astronomia/)


L’ANATOMIA EQUINA

ANATOMIA DEL CAVALLO, INFERMITA, ET SUOI RIMEDII
Carlo Ruini (1530-1598)
2 voll., Venezia, 1599

Primo libro esclusivamente dedicato alla struttura di un animale diverso dall’uomo, pubblicato un anno prima dell’edizione qui mostrata, in cui con splendide incisioni è dettagliata l’anatomia e la fisiologia del cavallo. Come qualità è comparabile al trattato del Vesalio sull’anatomia umana.
(Internet Archive/Getty Research Institute)


LA FAUNA MICROSCOPICA

MICROGRAPHIA: OR SOME PHYSIOLOGICAL DESCRIPTIONS OF MINUTE BODIES MADE BY MAGNIFYING GLASSES
Robert Hooke (1635-1703)
Londra, 1665

Primo libro pubblicato da Hooke e secondo della Royal Society. Grazie all’invenzione del microscopio l’autore vi riporta le sue osservazioni, tra cui la prima sulla struttura cellulare di un tessuto vivente. Con belle incisioni intagliate da lui stesso, descrive alcuni organismi, del polline, dei semi, la punta di un ago, il filo di un rasoio, ecc.
(Internet Archive/Boston Public Library)


IL RIFIUTO DELLA GENERAZIONE SPONTANEA

ESPERIENZE INTORNO ALLA GENERAZIONE DEGL’INSETTI
Francesco Redi (1626-1697)
Firenze, 1668

Sebbene resistette fino al tempo di Pasteur, con questo libro, in cui Redi riporta le sue osservazioni e i risultati dei suoi esperimenti, venne confutata la teoria della generazione spontanea.
(Internet Archive)


L’ISTOLOGIA

A SPECIMEN OF SOME OBSERVATIONS MADE BY A MICROSCOPE, CONTRIVED BY M. LEEWENHOECK IN HOLLAND, LATELY COMMUNICATED BY DR. REGNEURS DE GRAAF
Transactions of the Royal Society, prima di 9 lettere, rilegate in 2 voll.
Antoni van Leeuwenhoek (1632-1723)
Londra, 1673

Prima delle oltre 300 lettere che Leeuwenhoek inviò alla Royal Society, in cui troviamo la scoperta dei corpuscoli rossi del sangue, della struttura del pungiglione e degli occhi delle api, la proboscide e le zampe del pidocchio. Nelle lettere successive di questo industrioso naturalista che nella vita costruì oltre 200 microscopi, egli descrisse batteri, spermatozoi, nervo ottico, cornea e umore vitreo, e molto altro. In una lettera in olandese mai pubblicata dalla Society descrisse forse per primo la circolazione capillare.
(Internet Archive/Smithsonian Libraries and Archives)


LA MECCANICA MUSCOLARE

DE MOTU ANIMALIUM
Giovanni Alfonso Borelli (1608-1679)
2 voll., Roma, 1680

Basandosi largamente su quella di Galielo Borelli in questo libro presentò l’applicazione della meccanica al movimento degli arti degli animali, partendo dal centro di moto e applicando poi le forze alle giunture tra le ossa come in un sistema di leve. L’analisi poi si sviluppò in un sistema che descrive l’intera mobilità di un animale. Borelli sostenne la correlazione tra stimolazione nervosa e contrazione e rilassamento dei muscoli, e la relazione di alcuni processi chimici con essa, ipotizzò il battito cardiaco come contrazione muscolare e la natura idraulica del sistema circolatorio.
(Internet Archive/U.S. National Library of Medicine)


IL LIBRO DI NATURA

BYBEL DER NATUURE, OF HISTORIE DER INSECTEN, BIBLIA NATURAE
Jan Swammerdam (1637-1680)
2 voll., Leida, 1737-1738

Pubblicato 57 anni dopo la morte dell’autore dal medico Boerhaave, questa collezione di osservazioni al microscopio è basata sulla collezione di oltre 3000 specie di insetti di Swammerdam. Come Redi egli rifiutò la generazione spontanea e propose il processo di decomposizione nella materia organica come risultato dell’azione di organismi viventi. Gli studi intensi e la realizzazione di piccoli strumenti di precisione gli costarono la vista e la salute.
(Internet Archive/Smithsonian Libraries and Archives)


L’ENTOMOLOGIA

MÉMOIRES POUR SERVIR A L’HISTOIRE DES INSECTES
René-Antoine Ferchault de Réaumur (1683-1757)
6 voll., Parigi, 1734

Applicando il suo enorme talento a molti campi della scienza Réaumur traccerà un percorso nella biologia sperimentale grazie ai suoi procedimenti. Questi volumi sono il punto di partenza di una metodologia che nel tempo si espanderà ai quadrupedi, agli uccelli e ai pesci.
(Internet Archive/Smithsonian Libraries)


LA STORIA NATURALE

HISTOIRE NATURELLE, GÉNÉRALE ET PARTICULIERE, AVEC LA DESCRIPTION DU CABINET DU ROY
George-Louis Leclerc Comte de Buffon (1708-1788)
36 voll., Parigi, 1749-1785

Affamato di scienza come molti suoi contemporanei, Buffon si interessò di geologia, matematica, mineralogia, botanica e zoologia. La sua opera, che durante la sua vita consisteva di 36 volumi, fu integrata da ulteriori 18 sotto la guida di Lacepede, pubblicati tra il 1788 e il 1804, diventando il più celebrato trattato mai realizzato sugli animali. Usando come punto di partenza i fossili egli creò anche un sistema di epoche evolutive della terra e precorrendo la teorie dell’evoluzione sostenne che le specie vengono modificate dall’ambiente.
(Ed. 1785/Internet Archive/Natural History Museum Library/London)


AMBIENTE E VARIAZIONI

SYSTÊME DES ANIMAUX SANS VERTÈBRES OU TABLEAU GÉNÉRAL DES CLASSES, DES ORDRES, ET DES GENRES DE CES ANIMAUX
Jean-Baptiste-Pierre-Atoine de Monet de Lamarck (1744-1829)
Parigi, 1801

Un decisivo balzo in avanti nella classificazione delle forme di vita. Da quest’opera crebbe il senso di una sequenza naturale nello sviluppo e nei mutamenti delle specie animali. Lamarck formulò una delle più complete teorie dell’evoluzione prima di Darwin, come prodotto di cambiamenti nell’ambiente, riproduzioni selettive e sviluppo progressivo basato sull’uso e il disuso di parti del corpo. Mutamenti che egli considerò trasmissibili per ereditarietà.
(Internet Archive/MBLWHOI Library)


L’ANATOMIA COMPARATA

LE RÈGNE ANIMAL DISTRIBUÉ D’APRÈS SON ORGANISATION, POUR SERVIR DE BASE A L’HISTOIRE NATURELLE DES ANIMAUX ET D’INTRODUCTION A L’ANATOMIE COMPARÉE
Georges-Léopold-Chrétien-Frédéric-Dagobert D. Cuvier (1769-1832)
4 voll., Parigi, 1817

Il testo fondante dell’anatomia comparata. Cuvier non fu un’evoluzionista ma credette che le specie fossero fisse dal principio, con una forma corporea senza variazioni sostanziali nel tempo.
(Internet Archive/Gerstein – University of Toronto)


L’EMBRIOLOGIA

DE OVI MAMMALIUM ET HOMINIS GENESI EPISTOLAM AD ACADEMIAM IMPERIALEM SCIENTIARUM PETRIPOLITANAM
Karl Ernst von Baer (1792-1876)
Lipsia, 1827

Opera che testimonia la nascita dell’embriologia comparata. Von Baer, sperimentando con esemplari di embrioni di diversi animali, concluse che man mano che si retrocedeva nel loro sviluppo essi si assomigliavano sempre di più. Il frutto dei suoi studi pose il processo riproduttivo umano nella stessa categoria di quello degli altri mammiferi.
(Internet Archive/Wellcome Library)


LA TEORIA CELLULARE DELLA BIOLOGIA

MIKROSKOPISCHE UNTERSUCHUNGEN ÜBER DIE UEBEREINSTIMMUNG IN DER STRUKTUR UND DEM WACHTSUM DER THIERE UND PFLANZEN
Theodor Schwann (1810-1882)
Berlino, 1839

Una decisione epocale come quella che prese Schwann nel 1838 di riconoscere l’ovulo come una cellula lo condusse a tre conclusioni: che piante e animali nella loro intierezza sono composti di gruppi di cellule o derivati di queste; che ogni cellula è dotata di una porzione di vita individuale; che ogni vita cellulare era correlata a quella dell’intero organismo. La cellula di Hooke viene a connotarsi dunque come il mattone della vita e come soggetto di distinzione tra la vita e la morte.
(Wellcome Library)


LA BATTERIOLOGIA

MÉMOIRE SUR LA FERMENTATION APPELÉE LACTIQUE
in Comptes rendues hebdomadaires des séances de l’Academie des Sciences, Vol. 45
Louis Pasteur (1822-1895)
Parigi, 1857

Interi settori scientifici e industriali devono a Pasteur eterna gratitudine. Nella sua carriera brillante salì alla ribalta nel campo dell’immunologia, della medicina e della salute pubblica. In questo testo trattò il problema della fermentazione del latte, e da questo passerà ai processi di fermentazione nel vino e nella birra, alle funzioni di spore e muffe nei processi di decomposizione, alla formazione dell’alcool dallo zucchero, alla produzione dell’aceto dall’alcool e alla rancidità del burro. Ma i successi di Pasteur sono molteplici, dal metodo della “pastorizzazione”, all’idea dell’aria come veicolo batterico, dalla definitiva eliminazione della teoria della generazione spontanea alle cure per difterite, colera, febbre gialla e rabbia.
(Gallica)


L’EVOLUZIONE DELLE SPECIE

ON THE ORIGIN OF SPECIES BY MEANS OF NATURAL SELECTION
Charles Robert Darwin (1809-1882)
Londra, 1859

Le vibrazioni del terremoto culturale causato da quest’opera non sono cessate nemmeno oggi. I risultati delle osservazioni effettuate durante il viaggio del “Beagle” si configurano probabilmente come il più importante singolo lavoro scientifico di tutti i tempi.
(Internet Archive)


IL PLASMA GERMINALE

DIE CONTINUITÄT DES KEIMPLASMA’S ALS GRUNDAGE EINER THEORIE DER VERERBUNG
August Weismann (1834-1914)
Jena, 1885

Il riconoscimento che una parte del plasma delle cellule germinali si tramandasse di generazione in generazione portò alla teoria che questo plasma germinale, così definito dal Weismann, fosse l’unico veicolo degli elementi dell’ereditarietà, in particolare una sua porzione che chiamiamo cromosomi.
(Da vendita online)